slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3

Vicenda Mps: dalla propaganda politica al bene comune

di Paolo Giaretta 30 gennaio 2013

Sono stato alle riunioni delle Commissioni Finanze di Camera e Senato. Convocate d’urgenza dal compiacente Fini per una audizione del ministro Grilli sul caso Montepaschi. Naturalmente solamente un pezzo di campagna elettorale del PDL, che ha il problema di non parlare delle politiche necessarie a salvare il paese per tentare di far dimenticare il proprio fallimento alla prova del Governo.

Giorgio Santini candidato al Senato in Veneto per il Partito Democratico

Dopo oltre 30 anni di impegno nel sindacato CISL, dal territorio veneto fino alla segreteria nazionale, Giorgio Santini ha accolto la proposta di candidatura del Partito Democratico:

Elezioni: Santini, candidato per portare la voce del lavoro in Parlamento

(Adnkronos/Labitalia) - "Il mio primo obiettivo da candidato per le liste del Pd e' quello di portare la voce del lavoro in Parlamento, a partire dal fatto che bisogna trovare il bandolo della matassa di questa difficile crisi economica". Cosi' Giorgio Santini, fino a pochi giorni fa segretario generale aggiunto della Cisl e ora candidato Pd per il Senato in Veneto, parla con Labitalia della sua scelta di scendere in politica.

Cinque proposte concrete per il lavoro

Vanno individuate con priorità le risorse disponibili per favorire attraverso la riduzione del carico fiscale e contributivo le nuove assunzioni, la ricollocazione dei lavoratori cassaintegrati o disoccupati e le trasformazioni da lavoro temporaneo e atipico a lavoro stabile, nel rispetto delle normative europee che prevedono azioni di sostegno fiscale contributivo solo per le figure svantaggiate ed escludono la generalizzazione.

Copyright @ 2013 Giorgio Santini